SCOPERTE LE GROTTE PIU’ ANTICHE DELLA STORIA ARTE IMPERDIBILE : GROTTA DI CHAUVET; DOVE IL TEMPO SEMBRA ESSERSI FERMATO A 36 MILA ANNI FA.

PIU’ IMPORTANTI DELLE GROTTE DI LASCAUX

La grotta di CHAUVET è una riserva unica di dati fossili sugli atteggiamenti, credenze e pensiero creativo dei primi uomini. La grotta è  iscritta nella Lista del Patrimonio dell’Umanità.

Nella Réserve Naturelle des Gorges de l’Ardèche; a nord di Nimes e Avignon; nord-ovest da Marsiglia.

VEDI ANCHE AI LINK: https://www.youtube.com/watch?v=y1QBldC8u3U

I video sono in francese, ma contengono anche foto bellissime della caverna.

Più di 1000 figure tracciate magistralmente in rilievo, tra le più antiche conosciute fino ad oggi, tra cui 442 figure di animali: bisonti, grandi felini, rinoceronti, cavalli, grandi gatti,  orsi  ecc…il tutto evidenziato da una pregevole  illuminazione minimalista.

NELL’ORIGINALE  GROTTA DI CHAUVET, IL TEMPO SEMBRA ESSERSI FERMATO A 36 MILA ANNI FA.

VISITA VIRTUALE AL LINK: http://archeologie.culture.fr/chauvet/fr/visiter-grotte

SOLO IL CROLLO DI UNA PARETE (grazie alla quale la protezione del sito è durata millenni), HA PERMESSO DI SCOPRIRE  lo straordinario stato di conservazione, 21 000 anni di isolamento hanno permesso di non  danneggiare  pavimenti e  pareti.

OGGI GLI ESPERTI HANNO CREATO UNA PERFETTA COPIA DI  Pont-d’Arc Cave che riproduce fedelmente la bellezza dell’arte originale dei dipinti dei nostri antenati di 36.000 anni fa, ma anche la speciale atmosfera della grotta originale.

Scoperta nel mese di dicembre 1994 dagli speleologi Jean-Marie Chauvet, Eliette Brunel e Christian Hillaire, la grotta Chauvet-Pont-d’Arc non è mai stato aperto al pubblico.

UN ACCESSO ALLE PERFETTE COPIE DELLA  GROTTA DI CHAUVET SARA’ APERTO DAL 25 APRILE 2016, ; per non danneggiare le opere originali.

SULLE PARETI DELLA GROTTA DI CHAUVET, LUNGO L’ARDÈCHE, UN CAPOLAVORO FAVOLOSO.

A scoprire la grotta furono tre speleologi:  Eliette Brunel, Jean-Marie Chauvet e Christian Hillaire, nell’ambito delle loro attività speleologia private, nell’anno 1994.

Il sito  aperto a tutti,  consente di accedere alla conoscenza accumulata dai ricercatori. Una documentazione molto ricca, più di 600 immagini (fotografie, documenti interattivi, dischi, illustrazioni, disegni, mappe …) permette di visitare virtualmente questo luogo ora irraggiungibile  www.culture.fr/chauvet santuario

VEDI ANCHE : www.culture.fr/chauvet santuario

MERITA PARTICOLARE ATTENZIONE: la stanza del pannello Skull and Horses. In questo importante sotterraneo : banchi di argilla grigia formano un anfiteatro naturale per la stanza e il cranio in posizione centrale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*