Archivi categoria: salute prima dei 40

SALUTE NUOVA PATOLOGIA OFTALMICA DANNI DA LUCE BLU

0Il “disturbo da luce blu” colpisce anche i bambini, in età prescolare e scolare.

La causa è l’uso continuo di dispositivi elettronici.

La sovraesposizione alla luce blu può dare origine a disturbi anche molto gravi:

-insonnia

-irritabilità

-cali di attenzione

-patologie gravi come:

-alterazioni qualitative e quantitative del film lacrimale

-fotofobia

-bruciore

-congiuntiviti croniche e ricorrenti

-cataratta precoce

-degenerazione maculare.

In commercio esistono occhiali speciali per questo tipo di luce e schermi protettivi per i computer

un aiuto importante può’ arrivare anche dalla dieta se ricca di antiossidanti ( frutta e verdura: carciofi, uva nera, mele, frutti rossi, peperoni, prugne, broccoli, cavolo rosso, pomodori, carote, patate dolci, zucca, melograno prezzemolo…spezie, cioccolato amaro…).ed in particolare di luteina ( la luteina è presente soprattutto nella verdura a foglie verdi, ma  è anche in vendita in farmacia).

SALUTE in cucina – Eliminare gli eccessi di proteine animali – Brodo per purificarsi – disintossicarsi – migliorare lo stato di salute

Molte persone onnivore, oggi, decidono, se non di smettere, almeno di diminuire il consumo di proteine animali.

Questo brodo aiuta a purificare l’organismo dagli eccessi di pasti abbondanti e ricchi di grassi.

Abbiamo provato un brodo, dalla ricetta semplice, che cerca di riunire gli ingredienti sani della cucina giapponese.

La ricetta è facile e non ha certo la raffinatezza della cucina più ricercata, ma ci è parsa abbastanza buona e sana; da preparare senza troppe complicazioni.

Semplice e breve cura disintossicante; da copiare per tre sere la settimana; sino all’estate.

Questo brodo potrà sostituire, per almeno tre giorni, il primo piatto serale e potrà essere seguito da un secondo leggero con verdura e frutta per terminare (meglio se cotta).

Ovviamente chi mangia poco il mezzogiorno e poco a colazione non potrà rinunciare ad un secondo piatto più nutriente, almeno la sera.

INGREDIENTI PER IL BRODO

500 gr. di acqua

200 gr.  di alga Kombu (nei supermercati ben forniti)

1 cipolla tritata

1 cipollotto tritato

2 carote tritate

2 gambi di sedano tritati

se siete carnivori:

-1 osso con nervi e carne (senza grasso); oppure un pezzo di carne da bollito

se siete vegetariani o vegani:

-100/150 gr. di legumi vari ammollati la sera precedente, sia quelli di soia sia i comuni fagioli borlotti  mescolati con lenticchie  e/o ceci a piacimneto.

-un paio di chicchi di pepe

  • da aggiungere a fuoco spento: uno o due cucchiai di miso (oggi in tutti i supermercati ben forniti); secondo il votro gusto, assaggiate e decidete la quantità di sapore che preferite.

-Solo se ne sentite la mancanza aggiungete anche un poco di sale.

PREPARAZIONE

Solo il miso va aggiunto alla fine della cottura.

Cuocere tutto nell’acqua; almeno un’ ora e 1/2.

Con la pentola a pressione consigliati 60′.

Se non vi piacciono i pezzi di verdura e i fagioli interi, toglieteli con una schiumarola e frullateli con l’alga.

La carne, se c’è,  è meglio servirla a piccoli pezzi nel brodo.

Servire in una fondina; se avete molta fame aggiungete un uovo sodo, meglio se  BIO, a fette (le proteine dell’uovo e della carne vi aiuteranno a smorzare la fame).

In forma per l’estate – Facile e salutare mangiando bene secondo il metodo di Frank Laporte Adamski

” Per vivere più a lungo e in forma occorre avere il tubo digerente pulito “

Non è la solita dieta, ma segue i principi delle medicine tradizionali; con un’intestino in ordine anche i chili scendono e si guadagna in salute

Ridurre il gonfiore addominale, ma anche migliorare la circolazione sanguigna, contro la stanchezza e l’insonnia.

Un libro da leggere tutto d’un fiato che vi porterà dritti all’estate e ad un buono stato di salute

Per vivere più a lungo e in forma occorre avere il tubo digerente pulito” – ripete da più di trent’anni Frank Laporte –Adamski, naturopata, osteopata, Heilpraktiker, creatore di una regolazione alimentare che fa funzionare meglio l’organismo migliorando la salute e la forma fisica.

Il benessere fisico e psichico deriva da un apparato digerente pulito

Tutto ciò che mangiamo lascia dei residui nelle pareti del tubo digerente, che finisce per irritarsi o, nel peggiore dei casi, intasarsi.

Pertanto il corpo si ritrova appesantito, meno reattivo e più esposto a disturbi come mal di schiena, emicrania, insonnia e problemi circolatori.

Da oltre trent’anni il naturopata e osteopata Frank Laporte-Adamski promuove unmetodo alimentare finalizzato a trattare nel modo migliore il «secondo cervello» il nostro intestino, da cui dipendono non solo la digestione, ma anche il 70% delle funzioni del nostro sistema immunitario.

Qual è il principio alla base del Metodo Adamski?

Alimentarsi tenendo separati cibi a caduta veloce (30 minuti) e cibi a caduta lenta (4-5 ore).

L’educazione alimentare Adamski si rivela una soluzione efficace non solo nella riduzione del gonfiore addominale ma anche in dermatologia, per la circolazione sanguigna, contro la stanchezza e l’insonnia.

Il Metodo Adamski si sta diffondendo a macchia d’olio e sono già diversi i personaggi dello spettacolo, come Francesca Neri e Claudio Santamaria, che lo seguono con enormi benefici.

«C’è chi dice che per essere felici bisogna ascoltare il proprio cuore e agire di conseguenza, e probabilmente è vero. Ma fidatevi di me quando affermo che il vostro intestino ha cose altrettanto importanti da dirvi. La strada verso la felicità comincia dal luogo più familiare di tutti: il bagno di casa vostra!»
Frank Laporte-Adamski.

NUOVO LIBRO di Frank Laporte Adamski IN DISTRIBUZIONE NELLE MIGLIORI LIBRERIE ITALIANE

LA DIETA ADAMSKY

disponibile anche IN VERSIONE E-BOOK

14,90 euro

Salute – UROLOGIA: CALCOLOSI – CURA AL POLICLINICO SAN DONATO ANCHE PER BAMBINI

“cibo spazzatura” un pericolo !

La calcolosi pediatrica si presenta in bambini anche piccolissimi …

LA CURA AL POLICLINICO SAN DONATO È ANCHE PER I BAMBINI

L’Urologia, diretta dal Professor Luca Carmignani, offre un servizio per il trattamento di questa rara ma sempre più rilevante patologia pediatrica

La calcolosi pediatrica, endemica in Paesi come la Turchia, il Pakistan, l’India e altre aree meridionali dell’Asia, a causa di problemi diffusi come la scarsità di acqua e la malnutrizione, si può considerare ancora rara nel mondo occidentale, dove è però in progressivo aumento.

Pericolo: “cibo spazzatura”

Una delle concause risiede nel sempre più diffuso consumo di “cibo spazzatura” e nel conseguente incremento di disturbi metabolici che colpiscono i bambini sin dalla prima infanzia.

In alcuni casi la calcolosi pediatrica può essere anche correlata a una malattia genetica chiamata cistinuria, caratterizzata dall’accumulo di calcoli di cistina (un particolare aminoacido) nel rene, nell’uretere o nella vescica

Il dottor Pietro Acquati, da poche settimane entrato a fare parte dell’équipe di Urologia, vanta una solida esperienza nel trattamento della calcolosi urinaria, con particolare attenzione all’ambito prettamente pediatrico.

“Il nostro team conta su un approccio multidisciplinare, tecniche chirurgiche avanzate e mininvasive, stretta sinergia con gli esperti anestesisti rianimatori della divisione di cardiochirurgia pediatrica: queste le solide basi, insieme alla nuova professionalità del dottor Aquati, ci permettono di porci come centro di riferimento per la cura della calcolosi, specialmente guardando ai bambini.” – ha commentato il professor Luca Carmignani, direttore dell’Unità di Urologia dell’IRCCS Policlinico San Donato.

Febbre, perdita di appetito, mancato aumento di peso, urine torbide e maleodoranti, coliche renali ricorrenti sono i sintomi con cui la calcolosi pediatrica si presenta in bambini anche piccolissimi e nei neonati: non sempre, però, viene riconosciuta ed è per questo che una diagnosi accurata da parte di un urologo specializzato diventa fondamentale per trattarla e inquadrarla correttamente.

Di importanza strategica è il ruolo di supporto di altri specialisti, dal pediatra all’endocrinologo, per identificare con la massima precisione le cause del problema e seguire al meglio il paziente durante tutto il trattamento.

“La tecnica chirurgica più indicata per la cura della calcolosi pediatrica è rappresentata da un intervento endoscopico definito con l’acronimo anglosassone “RIR” (litotrissia retrograda intrarenale). É effettuata con strumenti mininvasivi e flessibili digitali, che, grazie all’ausilio di fibre laser dello spessore di un capello, polverizzano i calcoli mediante l’erogazione di energia pulsata (Holmium laser) – commenta il dottor Pietro Acquati –

Questa tecnica si sta imponendo come valida alternativa alla tradizionale litotrissia percutanea, molto più invasiva in quanto prevede l’accesso di strumenti direttamente nel rene”.

L’intervento si effettua in anestesia generale, ma al Policlinico San Donato la divisione di Urologia può contare sul supporto e la consolidata esperienza del team di anestesisti rianimatori che già da tempo opera nella struttura occupandosi dei pazienti pediatrici del reparto di Cardiochirurgia, primo in Italia per volume di attività.

“Il nostro obiettivo, oggi – commenta il Professor Luca Carmignani – è diventare a nostra volta un punto di riferimento per i piccoli pazienti affetti da calcolosi e per le loro famiglie, puntando su un approccio diagnostico e terapeutico accurato e corretto, spazi dedicati, approccio multidisciplinare, tempi di attesa brevi, strumenti chirurgici all’avanguardia e alta qualità nel trattamento. Puntiamo inoltre a “fare rete” con altri ospedali nazionali, collaborando con loro così che si possano sviluppare in modo capillare le competenze legate a questa patologia, ancora rara ma in crescita”.

IRCCS Policlinico San Donato
L’IRCCS Policlinico San Donato è l’ospedale capofila del Gruppo Ospedaliero San Donato.

Conosciuto come “l’Ospedale del Cuore” è il primo centro di cardiochirurgia in Italia per numero e complessità degli interventi ed è un centro di riferimento a livello internazionale per le patologie cardiache congenite dell’adulto e del bambino.

Unico ospedale italiano a vantare l’affiliazione di quattro cardiochirurghi presso l’American Association for Thoracic Surgery, nel 2015 il Policlinico San Donato ha superato il numero eccezionale di 20.000 pazienti trattati con by-pass per patologie ischemiche.

Riconosciuto dal Ministro della Salute come Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico (IRCCS) per lo studio e la cura delle “Malattie del cuore e dei grandi vasi nell’adulto e nel bambino”, è un ospedale polispecialistco accreditato con il Servizio Sanitario Nazionale e un polo didattico della Facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Università degli Studi di Milano.

Per informazioni

POLICLINICO SAN DONATO

Piazza Edmondo Malan, 1, 20097 San Donato Milanese MI
Telefono:02 527741

 info.psd@grupposandonato.it

SALUTE COME ? CON CIBI ANTINFIAMMATORI

CARNE, SALSICCE, AFFETTATI IN GENERE, FORMAGGI GRASSI; sono cibi ALTAMENTE INFIAMMATORI.

Ovvero cibi che favoriscono l’infiammazione come pure :
panna, grassi saturi, e/o zucchero, contenuti in

-brioches (anche quelle integrali: di solito per superare la sensazione secchezza che è causata dall’abbondanza di crusca, l’industria aumenta di molto i grassi aggiunti… quasi sempre composti da grassi saturi; anche quando scrivono GRASSI VEGETALI !)

-dolci (anche quelli delle migliori pasticcerie, ma quelli che costano poco possono essere peggiori)

-gelati (anche quelli artigianali, che comunque contengono un quantitativo di zuccheri, come tutti gli yogurt alla frutta, che ci aiutano a superare facilmente il quantitativo di carboidrati quotidianamente necessari.

Se poi aggiungiamo pasta, pizza, pane o legumi ecc.. in eccessosiamo quasi sempre oltre il limite delle calorie necessarie; salvo  per chi faccia seriamente dell’attività fisica almeno 2 volte la settimana;

-camminare in montagna dove l’aria è pulita e fresca o  una bella e lunga nuotata ci  aiutano a bruciare molte calorie più di tanto tempo in palestra passato sudando in ambiente chiuso  (con filtri dell’aria condizionata quasi mai puliti).

-Per chi non può fare altro, anche una corsetta ( dai 5′ ai 30′ ; secondo il grado di allenamento ed età) quasi quotidiana in città; ma solo al mattino presto, quando l’aria è fresca e non ancora altamente inquinata !

TORNANDO AI CIBI CHE FAVORISCONO L’INFIAMMAZIONE:

-biscotti (anche quelli che dicono di contenere pochi grassi, se leggete le indicazioni ne contengono troppi e spesso si tratta di olio di palma, margarine, oli idrogenati, grassi vegetali senza specificare quali… tutte perfette PORCHERIE)

OGNI SORTA DI DOLCE, PANE, PASTA, PROVOCANO ALTI TASSI DI INSULINA;

-buoni solo per chi fa molto lavoro fisico e se vivete in un clima freddo, non altrettanto se la vostra vita è prevalentemente sedentaria o se le temperature solo mediamente alte (nelle nostre case e uffici anche in inverno; con il riscaldamento)

PROVOCANO INFIAMMAZIONE :

-I GRASSI TRANSGENICI (detti anche TRANS), MOLTO usati dall’industria che prepara i cibi pronti; sia salati che dolci :

-I GRASSI TRANS DANNO SAPORE E SERVONO A PROLUNGARE LA CONSERVAZIONE DLE PRODOTTO, MA FANNO MALE ALLA SALUTE.

NO ALL’ACETO : oggi non è vero aceto di vino (anche quando è scritto in etichetta) è soloACIDO ACETICO

NO AI SOTTACETI

NO AI PREPARATI PER INSALTA DI RISO E A TUTTI I CIBI PREPARATI

NO ALLO SCATOLAME IN GENERE, ma potete fare delle eccezioni, NON la regola ! (una volta al mese si può mangiare del BUON tonno; anche se il tonno sarebbe da evitare perché in via di estinzione e proveniente da allevamenti pieni di antibiotici e inquinanti !)

NO AI SUGHI PRONTI SENZA PRIMA LEGGERE BENE TUTTI GLI INGREDIENTI (attenzione la parola grassi vegetali NON deve tranquillizzarvi).

—-

NOTA SPECIALE SULLA CARNE ROSSA E I SALUMI IN GENERE:

CARNE ROSSA DANNI AL COLON ; la carne rossa e’ pericolosa? perché?
Perché la carne rossa è più pericolosa di quella bianca?
Premesso che è sempre questione di quantità e, soprattutto, di quanto cibo si ingurgita ogni giorno e di che tipo, quanto alcool si beve…; (altrimenti eschimesi e mongoli, per esempio, che sono sempre vissuti di carni rosse, sarebbero tutti stati flagellati dal cancro; cosa che nessuna ricerca scientifica moderna non è mai riuscita a dimostrare).

L’oncologa N. Ijsennagger, Università di Ultrect in Olanda, sostiene come il rosso della carne provenga dall’eme, una parte dell’emoglobina che ha il compito di trasportare ossigeno ai tessuti.

Sui topi è stato dimostrato come l’eme, mescolato ai batteri dell’intestino, produca idrogeno solforato; un gas dall’odore di uova marce.

QUESTO SOLFORATO ATTACCA E UCCUDE LE CELLULE DELLA PARETE INTESTINALE.

Gli scienziati sostengono che la numerosa e continua moltiplicazione di cellule; per riparare i danni dell’idrogeno solforato, nel tempo favorisca la nascita di tumori.

Nei topi si è provato a risolvere il problema con gli antibiotici, ma questi distruggono anche tutti i batteri intestinali importanti per la salute generale; quindi non è una buona soluzione.

Il consiglio è di non esagerare con la carne rossa, ricordando che è carne rossa anche il prosciutto e altri insaccati che contengono, da soli, grandi quantitativi di sale, ma la maggioranza anche sofiti e solfati che, nell’intestino formano le pericolose nitrosamine che favoriscono il cancro.

— Quindi carne rossa più salumi in eccesso non è un’alimentazione consigliabile per l’uomo moderno; forse anche per il suo stile di vita, per l’inquinamento cui è sottoposto e, diciamo noi, sopratutto per l’eccesso di cibo in genere (ed anche cibi pronti che contengono molti conservanti, grassi nocivi ecc..).

———————–

CONTRASTIAMO L’ INFIAMMAZIONE PER CONTRASTARE IL CANCRO, ma anche le malattie in genere..

L’ANTICA MEDICINA CINESE HA SEMPRE SOSTENUTO L’IMPORTANZA DELL’EQUILIBRIO TRA acido e basico; se prevale l’acido (l’infiammazione) abbiamo la malattia.

ANTINFIAMMATORI: OTTIME TUTTE LE SPEZIE

ALTAMENTE ANTINFIAMMATORIA E’ LA CAPSAICINA : CONTENUTA NEL PEPERONCINO.

Caffè e tè sono antiossidanti  (non solo il te verde, che è spinto dal mercato soprattutto per questioni commerciali;  contiene solo un poco più di antiossidanti del tè nero, ma il prezzo non vale le promesse della pubblicità).

BENE L’USO ABBONDANTE DI FRUTTA, OTTIMA LA MELA COTTA.

————

ESEMPI DI CIBI CONSIGLIATI NELLA LOTTA CONTRO L’INFIAMMAZIONE

Colazione

-frutta; anche a guscio (NO ai succhi pronti, contengono antiossidanti, per la conservazione, che sono altamente infiammatori !)
-cereali
-yogurt greco senza grassi o qualunque yogurt (meglio se magro: più proteine meno grassi, MA MAI ALLA FRUTTA !!! contengono antiossidanti e TANTISSIMO ZUCCHERO !!!)
-il caffè è l’ antiossidante numero uno; insieme al tè

Pranzo (solo un esempio)

-insalata con ogni tipo di verdura cotta o cruda, anche patate
-fagioli lenticchie e altri legumi; meglio ogni giorno
-NO bibite dietetiche, No a coca cola, aranciata, acqua tonica (ricchissime di zuccheri)
-le carni trattate contengono conservanti con molte sostanze che provocano infiammazione
-uova sode anche 3 volte la settimana; due se avete problemi di colesterolo
-sardine, acciughe… molto ricche di Omega 3
-frutta

Cena (un esempio)

-ECCELLENTE ogni tipo di passato di verdura, solo se PREPARATO IN CASA
-fagiolini e verdure in genere
-pesce ottimo il salmone, ma anche pesci azzurri che contengono omega 5 (ogni tanto anche sardine o acciughe in scatola)
-il formaggio greco “feta” contiene molto meno grassi dei normali formaggi; ma anche un bel pezzo di parmigiano ogni tanto non può far male.
-petto di pollo grigliato, tacchino… ma il pesce è meglio
-frutta

-evitare il mais, soprattutto se è in scatola

OGNI TANTO POTETE MAGIARE ANCHE CARNE, MA NON COSTANTEMENTE (idem per affettati, devono essere un’eccezione non la regola).

————

RICETTA DI HAMBURGHER ANTINFIAMMATORIO, POVERO DI GRASSI  (grazie alle verdure e al pane integrale; la carne bianca è comunque meno pericolosa di quella rossa):

-carne macinata di tacchino magro o pollo (sempre senza pelle); tagliatela anche con il coltello (ben affilato), formate polpette schiacciando bene la carne e cuocere alla griglia o sulla piastra (potete aggiungere erbe varie come aghi di rosmarino o salvia tritati (antinfiammatori aiutano a digerire i grassi della carne), pepe, sale.. se piace anche cipolla tritata

PREPARARE IL PANINO CON:

-maionese; solo quella con olio di oliva
-pomodoro a fette
-cavolo a fette sottili; se piace, è un potente anticancerogeno
-spinaci freschi o insalata
-pane integrale senza grassi
-SE PIACE, ANCHE qualche fettina di cipolla.

—-

Una ricetta modificata e golosa:

-anelli di cipolla impanati, cotti al forno e NON FRITTI;

-fare una pastella piuttosto consistente con acqua gasata fredda o birra, farina (meglio integrale o metà di farina  di mais, che  da più consistenza), 1 uovo; un pizzico di bicarbonato

-immergervi gli anelli di una grossa cipolla

-appoggiare su carta da forno o piastra antiaderente, oppure basta mettere poco olio sulla teglia, eventualmente un leggero giro di olio sopra; meglio se messo con l’oliera spray,

– fare dorare a 180°

Salute – Acquisto dei generici all’estero via libera – Terapie innovative ed epatite C ora cure più economiche

FINALMENTE !!! Dopo una lunga e ingiusta attesa.

Moltissime sono persone le persone interessate alle nuove costosissime terapie (si parla di mezzo milione o addirittura un milione), ma  non tutte ricevono subito la terapia.

In Italia queste terapie sono enormemente più costose che in altri Paesi; in India si trova il generico per la cura dell’epatite C, ma non solo.

Una circolare ministeriale ha riconosciuto, a chi non rientra nei criteri per ottenere il farmaco dal servizio sanitario italiano, o non vuole aspettare tempi lunghi per il trattamento, di andarlo a comprarlo in altri Stati o di farselo spedire.

IMPORTANTE:  ci vuole sempre la ricetta e bisogna mandare al ministero un modulo compiltato dal medico curante.

Salute occhi e tecnologie – Visite gratuite realizzate da medici specialisti – CAMPAGNA NAZIONALE PREVENZIONE DELLA SINDROME DELL’OCCHIO SECCO


Dal lunedì 3 aprile a venerdì 7.

In collaborazione con la Clinica Oculistica dell’Università dell’Insubria di Varese e con il patrocinio del Comune di Milano, dell’Azienda Socio Sanitaria Territoriale Sette Laghi della Regione Lombardia, della Società Oftalmologica Italiana (SOI), il Centro Italiano Occhio Secco (CIOS) promuove la Campagna nazionale di Prevenzione e delle Cura della Sindrome dell’occhio Secco. All’iniziativa hanno aderito Centri ospedalieri di eccellenza di Catania, Napoli, Roma, Milano e Varese.

La campagna promuove visite gratuite realizzate da medici specialisti, mirate a individuare e curare questa patologia nei soggetti interessati.

Le visite si rivolgono a tutti coloro che sospettano una secchezza oculare o che già ne soffrono e desiderano una visita di approfondimento.

Ecco i dettagli della Campagna

Quando
Dal lunedì 3 aprile a venerdì 7.

Dove
Le visite si potranno effettuare presso le seguenti strutture:
Centro Italiano Occhio Secco – piazza della Repubblica 21 – 20124 –

Milano
Tel: 02 63611970 Email: info@centroitalianoocchiosecco.it
Ambulatorio per le patologie corneali dell’ospedale Oftalmico Roma
 via Cipro 3 – 00136 – Roma
Tel: 06 68351 Email dip.oculistica@aslroma1.it
La Clinica oculistica dell’Università dell’Insubria – Ospedale di Circolo, Fondazione Macchi – Viale Borri 57 – 21100 – Varese 
Tel: 0332 260270 Email claudio.azzolini@uninsubria.it
Unità Operativa di Oculistica Clinica Mediterranea di Napoli
Via Orazio, 2 –  80122 – Napoli
Tel: 081 7611251 – 081 7259206 Email studio.orfeo@alice.it
ARNAS Garibaldi Nesima – UOC di Oculistica
Via Palermo 636 – 95122 – Catania
Tel: 095 7595660 Email e.gallo@ao-garibaldi.ct.it

Come
Le visite gratuite si effettuano solo su appuntamento. Contatta il centro oculistico più vicino a casa tua direttamente dal sito www.centroitalianoocchiosecco.it .

Prima della visita:
Se si usano lenti a contatto, toglierle almeno 24 ore prima
Non truccarsi il giorno della visita
Portare con sé eventuali esami di laboratorio recenti, l’elenco dei farmaci attualmente in uso e delle terapie già praticate sia oculari che generali.

A seconda del caso specifico, saranno svolti tutti gli esami ritenuti necessari da parte del medico al fine di valutare la gravità della patologia e indicare la terapia più efficace.

SALUTE – Occhi danneggiati da tablet e smartphone – Campagna prevenzione occhio secco

Dal 3 aprile 2017

Grande campagna di Prevenzione e Cura dell’Occhio Secco

L’occhio secco in Italia colpisce il 90% delle donne in menopausa e il 25% della popolazione over 50.

Fra le cause acquisite dell’occhio secco, sta assumendo un ruolo sempre più importante, soprattutto fra adolescenti e bambini, l’utilizzo troppo assiduo di smartphone, tablete computer.

Sotto accusa l’uso di tablet e smartphone

il Centro Italiano Occhio Secco (CIOS) promuove dal 3 aprile la campagna della Prevenzione e della Cura della Sindrome dell’Occhio Secco (www.centroitalianoocchiosecco.it) una patologia che l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha recentemente definito “tra i più ignorati e sottovalutati disturbi della società moderna”.

La campagna nazionale di screening gratuiti promossa dal CIOS, la prima struttura completamente dedicata alla cura di questa patologia, è sostenuta e promossa anche da altri centri di eccellenza di Catania, Napoli, Roma, Varese.

Al riguardo si terrà una apposita conferenza stampa alla quale parteciperanno:

Dr Lucio Buratto – Direttore Scientifico del Centro Ambrosiano Oftalmico

Dr. Giuseppe di Meglio – CIOS- Centro Italiano Occhio Secco

Prof. Vincenzo Orfeo – Direttore Clinica oculistica Mediterranea Napoli

Dr.sa Alessandra Balestrazzi –Responsabile patologie corneali Oftalmico di Roma

Con il patrocinio della Società Oftalmologica Italiana (SOI), del Comune di Milano, dell’Azienda Socio Sanitaria Territoriale (ASST) Sette Laghi della Regione Lombardia, dell’Università degli Studi dell’Insubria,

Salute psoriasi – Nuove risposte per la propria pelle

PSORIASI

I progressi compiuti dalla ricerca clinica

Volontà di ridurre il disagio e la sfiducia denunciati dai pazienti

“ Non lasciare che la psoriasi ti allontani da ciò che ami ”

www.lapelleconta.it

· L’iniziativa, patrocinata da A.DI.PSO., ADOI e SIDeMaST, vuole invitare i pazienti a rivolgersi al dermatologo per chiedere nuove risposte per la propria pelle

· A supporto della campagna il sito www.lapelleconta.ite i relativi i canali Facebook e Instagram

– Entrano nello studio del dermatologo e chiedono un tuffo in piscina, una partita a calcetto e una vestito scollato.

Questi i gesti al centro della campagna “Chiedi al tuo dermatologo”, un progetto di Novartis, con il patrocinio dell’Associazione per la Difesa degli Psoriasici (A.DI.PSO.) e delle Società Scientifiche ADOI (Associazione Dermatologi Ospedalieri Italiani) e SIDeMaST (Società Italiana di Dermatologia medica, chirurgica, estetica e delle Malattie Sessualmente Trasmesse), che

invita le persone affette da psoriasi a non accontentarsi e a chiedere al dermatologo nuove risposte per la propria pelle.

Quelle citate sono solo alcune delle situazioni della vita quotidiana in cui la psoriasi può essere un ostacolo.

Queste circostanze sono uno spunto per parlare di una patologia che non resta a “fior di pelle”, ma che, al contrario, ha significativi risvolti psicologici su quanti sono chiamati a conviverci.

A confermarlo sono i dati emersi da “Clear About Psoriasis”, la recente indagine che Novartis ha condotto su un campione di 8.300 pazienti provenienti da 31 Paesi in tutto il mondo*, tra cui l’Italia, con 639 intervistati.

Dal sondaggio è emerso che il 33% dei pazienti ritiene di non sopportare lo sguardo degli altri e 1 paziente su 3 si sente inadeguato come partner.

Anche per il campione italiano, la qualità di vita è fortemente influenzata dalla patologia, confermando il dato mondiale. L’84% dei pazienti ha infatti risposto di essere stato vittima di umiliazioni e discriminazioni, il 43% si sente osservato in pubblico e al 41% è stato chiesto se la malattia fosse contagiosa.

Gli intervistati italiani hanno inoltre raccontato le proprie sensazioni associate alla patologia: circa il 40% si sente in imbarazzo; 1 paziente su 3 si vede poco attraente e si vergogna della propria pelle.

Più di ogni cosa, colpisce il dato secondo cui meno della metà degli intervistati (solo il 45%) crede che la clear skin, cioè la pelle libera o quasi libera da lesioni, sia un obiettivo possibile1.

La campagna “Chiedi al tuo dermatologo” nasce dalla volontà di ridurre il disagio e la sfiducia denunciati dai pazienti.

E’ qualcosa di più di una campagna di informazione: è un “appello” che incoraggia le persone con psoriasi a rivolgersi al proprio dermatologo per ricevere nuove risposte per la propria pelle.

“Una clear skin – ha affermato Giampiero Girolomoni, Professore Ordinario di Dermatologia dell’Università di Verona– è un obiettivo raggiungibile.

I progressi compiuti dalla ricerca clinica hanno consentito un miglioramento della qualità di vita per quanti sono chiamati a convivere con questa patologia impattante e spesso oggetto di discriminazioni.

Oggi aumentano le possibilità di raggiungere una pelle quasi esente (PASI 90) o del tutto esente dalle lesioni (PASI 100)”.

Il nome della campagna “Chiedi al tuo dermatologo” richiama fortemente l’alleanza tra medico e paziente.

In uno scenario in cui il peso della malattia spesso porta a consultare “falsi profeti” o a curarsi da soli, rivolgersi al proprio dermatologo è il primo passo da compiere.

–. La psoriasi non è una problematica ‘estetica’ ma è una patologia cronica e talora invalidante.

Solo in Italia colpisce circa 1 milione e mezzo di persone che riportano lesioni cutanee che causano prurito, rossore, desquamazione e spesso si associano a dolori articolari e alterazioni metaboliche, con pesanti conseguenze sulla qualità della vita e sui rapporti sociali e familiari”.

“Noi dermatologi – ha dichiarato Antonio Cristaudo, Presidente ADOI -, ci impegniamo a creare un’alleanza con i pazienti psoriasici. Non ci aspettiamo infatti che chi si rivolge a noi ci racconti solo i sintomi della propria patologia, ma lavoriamo affinché si instauri un clima di fiducia tale da permettere al paziente di condividere anche speranze e aspettative. Una campagna come questa ribadisce l’importanza di un dialogo positivo tra il medico e il suo paziente”.

L’iniziativa, già avviata in altri Paesi europei, tra cui Austria, Germania, Grecia, Svezia e Svizzera, sbarca ora in Italia attraverso la radio, il web e i social network.

Il sito www.lapelleconta.it è a disposizione degli utenti per offrire maggiori informazioni sulla campagna, sulla clear skin, sul PASI e per individuare i centri specializzati. Inoltre i pazienti, se lo desiderano, possono scaricare una “traccia di colloquio” con indicazioni utili per gestire l’incontro con il dermatologo.

“Novartis ha lanciato questa campagna in sinergia con l’associazione di pazienti e le società scientifiche – ha aggiunto Angela Bianchi, Head of Communications, Patient Relations & Public Affairs di Novartis -. Riteniamo infatti sia fondamentale continuare a costruire insieme iniziative di questo tipo per coniugare l’innovazione scientifica all’ascolto attivo delle esigenze del paziente”.

Per maggiori informazioni, visita il sito www.lapelleconta.it e i social:
La Pelle Conta

*Il sondaggio ha coinvolto 8.300 persone provenienti da 31 Paesi: Argentina, Australia, Austria, Belgio, Brasile, Bulgaria, Canada, Repubblica Ceca, Danimarca, Finlandia, Francia, Germania, Ungheria, India, Irlanda, Israele, Italia, Giappone, Messico, Paesi Bassi, Norvegia, Portogallo, Romania, Russia, Corea del Sud, Svezia, Svizzera, Taiwan, Turchia, Regno Unito e Stati Uniti.
Novartis

Novartis fornisce soluzioni terapeutiche innovative, in grado di far fronte alle esigenze in continua evoluzione dei pazienti e della società.

Con sede a Basilea, in Svizzera, Novartis offre un portfolio diversificato, per meglio rispondere a queste esigenze: farmaci innovativi, generici a costi competitivi e biosimilari, prodotti per la cura dell’occhio.

Novartis è la sola azienda al mondo a detenere una leadership in tutte queste aree. Nel 2016, le attività del Gruppo hanno registrato un fatturato di 48,5 miliardi di dollari, mentre circa 9 miliardi di dollari sono stati investiti in Ricerca & Sviluppo.Le società del Gruppo Novartis contano circa 118.000 collaboratori.

I prodotti Novartis sono disponibili in oltre 155 paesi del mondo. Ulteriori informazioni nei siti www.novartis.it e www.novartis.com. Novartis è anche su Twitter @novartisitalia

Riferimenti bibliografici

1. Dati sondaggio Novartis. Giugno 2016.

2. International Federation of Psoriasis Associations (IFPA) World Psoriasis Day website. “About Psoriasis.” http://www.worldpsoriasisday.com/web/page.aspx?refid=114 . Ultimo accesso settembre 2015

3. Mrowietz, U. Implementing treatment goals for successful long-term management of psoriasis. Journal of the European Academy of Dermatology and Venereology, 26:12-20. Doi: 10.1111/j. 1468-3083.2011.04411.

4. Guideline on clinical investigation of medicinal products indicated for the treatment of psoriasis. European Medicines Agency Web site.
5. Sito web International Federation of Psoriasis Associations (IFPA) World Psoriasis Day. “About Psoriasis.” http://www.worldpsoriasisday.com/web/page.aspx?refid=114. Accesso: agosto 2013.

6. Stern RS, Nijsten T, Feldman SR, Margolis DJ, Rolstad T. Psoriasis Is Common, Carries a Substantial Burden Even When Not Extensive, and Is Associated with Widespread Treatment Dissatisfaction. J Investig Dermatol Symp Proc 2004; 9(2):136-9.

7. Langley RGB, Krueger GG, Griffiths CEM. Psoriasis: epidemiology, clinical features, and quality of life. Ann Rheum Dis 2005; 64(suppl 2):ii18-ii23.
8. Nestle FO, Kaplan DH, Barker J. Psoriasis. N Engl J Med 2009; 361(5):496-509.
9. Herrier R. Advances in the treatment of moderate-to-severe plaque psoriasis. Am J Health-Syst Pharm 2011; 68:795-806.
10. Mrowietz U, Kragballe K, Reich K, et al. Definition of treatment goals for moderate to severe psoriasis: a European consensus. Arch Dermatol Res; 303(1):1-10.
11. Finlay AY. Current severe psoriasis and the rule of tens. Br J Dermatol 2005; 152(5):861-7.

INFERTILITA’ MASCHILE – BAMBINI DESTINATI AD AVERE PROBLEMI ORMONALI – I COLPEVOLI SONO ….

INFERTILITA’ MASCHILE UN PROBLEMA DILAGANTE 

I COLPEVOLI SONO LE SOSTANZE CHE UTILIZZIAMO QUOTIDIANAMENTE

L’Italia è uno dei paesi meno sensibili a questo argomento; rispetto ad altre nazioni europee.
NELL’UOMO CI SONO GIA’ MODIFICAZIONI ANTROPOMORFE; SI VA VERSO UNA FEMMINILIZZAZIONE DELL’UMANITA’

LA CAUSA SONO LE SOSTANZE CHIMICHE PERICOLOSE, MA NON RICONOSCIUTE COME TALI DALLA LEGGE, CHE NON CALCOLA GLI EFFETTI GRAVI DOVUTI ALL’USO CONTEMPORANEO DI MOLTE SOSTANZE CHIMICHE

Da un servizio di Presadiretta Rai 3, sabato 18 marzo 2017

I bambini prima di nascere hanno già definito molto delle loro future caratteristiche riproduttive.

I genitori non capiscono quanti veleni mettono nel corpo del figlio e nel loro, con saponi, dentifrici, shampoo, detergenti per bucato, pellicole trasparenti, carte da forno, cartoni per trasportare la pizza ecc…

Le mamme trasmettono al bambino, prima che nasca, elementi molto dannosi che cambiano la messaggistica ormonale come bisfenolo, ftalati ecc… TUTTE SOSTANZE PERICOLOSE, MA L’EUROPA NON RIESCE A LEGIFERARE PERCHE’ NON ESISTE ANCORA UN ELENCO DI SOSTANZE PERICOLOSE (nessuna legge europea regola i prodotti e i pericoli di interazione nell’uso di tanti prodotti chimici pericolosi)

Donne gravide che assumono dosi consistenti di antidolorifici come il paracetamolo, rischiano di far nascere figli con problemi ormonali e di fertilità ecc…

Si assumono sostanze pericolose anche tramite scarpe e pantaloni colorati con coloranti non sani.

Il Bisfenolo A si trova anche nei sigillanti dentali per i bambini (per evitare la carie)
Anche le scatole per alimenti (tonno in scatola, sughi, pelati ecc…) all’interno hanno una pellicola fatta di bisfenolo A, MOLTO PERICOLOSO.

La legge italiana, a differenza della Francia, non considera il bisfenolo A pericoloso.

FLUORURATI: carta da forno, pacchetti di pop corn, cartone per trasportare la pizza, ecc… contengono PFC che danneggia e compromette il DNA e la qualità dello sperma negli uomini.

DERIVATI DEL PETROLIO SONO CONTENUTI NELLE CAPSULE DEL CAFFE’ … quelle non costruite con derivati dal petrolio costano di più … a concentrazioni diverse tutte le capsule in vendita in Italia per caffè contengono Ftalati.

Le donne che hanno alte concentrazioni di sostanze nominate sopra hanno avuto più aborti rispetto alla media.